Museo dell'olivo



Casanova Lerrone, frazione Marmoreo, (SV), 2011.

Il complesso dell’Antico Frantoio di Marmoreo sorge sulla sommità di crinale in Frazione Marmoreo, mentre le caselle sono nei boschi di Casanova Lerrone. Il progetto, finanziato dalla Regione Liguria,  consiste nel recupero di tre caselle di presidio agricolo e di un antico frantoio per olive  finalizzato all’utilizzo per scopi museali, didattici, culturali e di interesse pubblico.  La ricerca è stata fondata sulle modalità con cui l’antropizzazione del territorio ha consentito lo sviluppo di una rete di presidio territoriale. 

Essa è costituita da un avamposto, la Casella, da un  tessuto connettivo, il Percorso, un polo principale di riferimento, il Frantoio: un NET produttivo attraverso cui si è storicamente strutturato il presidio di ampie porzioni di territorio.  Il progetto interessa  alcuni manufatti ed edifici che in breve si identificano in : Caselle, Percorso, Frantoio.  

Il Frantoio è la casa del coltivatore di castagne e del frantoi ano ed è costituito da un edificio di grandi dimensioni localizzato in posizione strategica rispetto al territorio, dove il materiale proveniente dalla coltivazione dell’olivo e della castagna veniva scelto, lavorato ed accumulato. Il Frantoio di Marmoreo è un frantoio “ a sangue”, cioè mosso da animali,  ed è stato restaurato e destinato ad attività espositive.  

Pietra, ciappe, ferro.


http://architettura-italiana.com/projects/307021-alberto-piovano-studiorossi-secco-museo-dell-olivo